header image

In edicola, sul web

giugno 30th, 2011 § 0 comments § permalink

 Sulle pagine di Domus 947 e 948 (mesi di maggio e giugno), Francesca Picchi e Vincent Filosa raccontano la paradossale vicenda della sala concerti progettata da Shigeru Ban per L’Aquila e donata dal governo giapponese al popolo italiano in occasione del G8 che si è svolto nella città devastata dal terremoto del 6 aprile 2009.

Su Spari d’inchiostro, Paolo Interdonato parla di Sonata for L’Aquila.

Canicola Bambini su Lo Spazio Bianco

giugno 28th, 2011 § 1 comment § permalink

Bambini che leggono fumetti è uno speciale in tre parti che Lo Spazio Bianco ha dedicato al fumetto per ragazzi.

Canicola Bambini: sguardi sul mondo dell’infanzia, è un articolo di Luca Tortolini  dedicato al decimo numero della nostra rivista.

Di Canicola Bambini e tanto altro ancora si parla nell’intervista di Guglielmo Nigro a Liliana Cupido che chiude lo speciale.

il viaggio su fumettologicamente

giugno 21st, 2011 § 0 comments § permalink

Si intiola Anteprima: IL VIAGGIO. Il fumetto come ginnastica per l’occhio, il post che Matteo Stefanelli sul suo blog Fumettologicamente, dedica a Il viaggio di Yuchi Yokoyama. Leggi l’articolo completo qui.

Qui di seguito invece, le note di Edo Chieregato a corredo della mostra di Udine al Far East Festival.

YUICHI YOKOYAMA Il viaggio

Yokoyama è tra i mangaka più oltranzisti in Giappone che spinge i confini del fumetto al limite dell’arte contemporanea. Il suo lavoro alterna l’attività di artista con mostre in gallerie e musei di tutto il mondo (Giappone, Cina, Francia, Canada, Svizzera, Stati Uniti) alla realizzazione di storie e libri a fumetti che si caratterizzano per uno stile originale e una sensibilità che fonde Oriente e Occidente. Il suo disegno si distingue per un approccio grafico che include il design, l’architettura e la moda senza alcun riferimento ad autori o scuole della storia del fumetto.

Influenzato dal cinema filosofico-fantascientifico di Tarkoskij come Stalker e Solaris, Yokoyama ci propone un mondo in bilico tra modernità, apocalisse velata e un vivere semplice che rimanda ad una esistenza archetipica e primitiva. Siamo in un futuro prossimo che l’autore non giudica ma descrive nel suo dipanarsi quasi sterile, ordinato, meccanico. Yokoyama non è interessato ad approfondire le psicologie dei personaggi piuttosto sembra limitarsi a una descrizione attenta di volti, corpi, posture, paesaggi, con l’intento di trasmetterci attraverso la drammaturgia del linguaggio fumetto e senza particolare pathos una tensione verso il guardare. » Read the rest of this entry «

nessuno come monti

giugno 20th, 2011 § 0 comments § permalink

Minimalismo, pessimismo… mah, mi infastidisce che tirino in ballo Raymond Carver, non capisco che ci trovino di lui nelle mie storie.

Dall’intervista a Giacomo Monti su Anteprima. Leggi l’articolo qui.

anke e irene

giugno 6th, 2011 § 0 comments § permalink

Segnaliamo: Grano Blu di Anke Feucthenberger recensito questo mese da Andrea Provinciali su Il mucchio selvaggio (leggi qui), mentre su Internazionale Francesco Boille scrive di Irene e i clochard di Ruppert & Mulot (leggi qui).