Dopo quattro anni di partecipazione di Canicola alla Bologna Children’s Book Fair possiamo dire che “fare poco e fare bene”, credere fortemente in progetti editoriali complessi come la nostra collana di fumetto per bambini, pensare e attivare attività pedagogiche attorno ai libri che produciamo, realizzare mostre espositive in luoghi culturali della città come il Museo d’Arte Moderna, il Teatro Comunale o gallerie d’arte così come organizzare incontri e laboratori con le scuole, siano tutte attività che se tenute bene strette tra loro sentiamo che hanno senso e via via ne percepiamo i risultati.

I nostri libri non entrano in classifiche di vendita e non fanno impazzire gli algoritmi della distribuzione, ma di titolo in titolo, sentiamo come gli autori con cui lavoriamo e altri che si avvicinano, gli addetti ai lavori nazionali e internazionali, alcuni librai, siano con noi e ci incoraggino nella nostra ricerca. Dal 2016 a oggi il progetto Canicola bambini è cresciuto (e cerchiamo complici continuamente per crescere) con gli autori e le autrici coinvolti – Sophia Martineck, Martoz, Sarah Mazzetti, Cristina Portolano, Marino Neri – con la collaborazione e il sostegno di diverse realtà culturali, sempre con l’idea di mettere in gioco storie e tematiche di apertura, segni narrativamente ricchi, tavole costruite sfruttando peculiarmente il potenziale del linguaggio fumetto pescando senza problemi tra disegnatori-autori aldilà del fumetto stesso.

Quest’anno abbiamo presentato l’anteprima di Nuno salva la Luna di Marino Neri, quinto titolo della collana “Dino Buzzati”, protagonista al MAMbo di un live painting sperimentale  rivolto ai piccoli, in cui l’autore ha dato vita a creature disegnate su un ambiente sonoro curato da dj Paguro in diretta. E’ stata una prova, con molto da perfezionare ma con piccoli momenti di “tribalità” emotiva che hanno attraversato i bambini e i loro genitori. E’ un libro fresco fresco su cui costruiremo progetti e appuntamenti per cui fatevi avanti, se credete.

E poi la bella notizia: dopo il premio al Treviso Comic Book Festival come Miglior libro per bambini e ragazzi, e dopo il Gran Guinigi a Lucca Comics & Games come Miglior storia breve, Sarah Mazzetti con il suo I gioielli di Elsa si è aggiudicata il Premio Internazionale d’Illustrazione Bologna Children’s Book Fair – Fundación SM, attribuito a uno degli autori selezionati per la Mostra Illustratori della Fiera (quest’anno 2901 partecipanti!). La giuria, composta da Beatrice Alemagna, Gabriel Brandariz e Klaas Verplancke ha precisato le seguenti motivazioni “per il suo impatto e le sue potenzialità, audaci e sensibili al tempo stesso, e per la capacità di costruire ponti fra narrativa, arte grafica e graphic novel. Le sue opere fondono tutte le modalità espressive della narrativa visuale all’interno di uno stile autentico, organico, forte e coraggioso, traducendo l’iconografia degli anni 60 in illustrazione contemporanea. Una dimostrazione di pensiero intelligente nelle linee e nella forma, con la combinazione di forme in negativo e positivo all’interno di geniali composizioni.

Una grande soddisfazione per noi, a riprova che si possono pensare anche progetti non scontati, e lo si può fare anche se si è piccoli, anzi minuscoli, ma che non si può sempre farlo da soli, per questo ringraziamo i partner che nel 2017 hanno condiviso il nostro progetto di libro e non solo: il festival Uovo Kids di Milano, Funder 35 e la Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna.

 

 

Marino Neri e Dj Paguro durante il live painting presso il MAMbo