francesco cattani

barcazza

13,00

 

128 pagine b/n
15×21, 2010
italiano/inglese, 13 euro
collana matti pellompää
isbn 9788890497018

 
leggi il PDF d’anteprima
 

Esaurito

COD: barcaz Categoria:

Descrizione

Con una piroetta poetica e grafica Cattani lascia il lettore in uno stato di tensione palpabile. Impressionante.

Benjamin Roure (Bodoi)

 

Un’estate al mare tra luce abbacinante, scogli e marmocchi piagnucolosi. La storia di una relazione delicata che si dipana tra non detto, sottili psicologie e morbosità sopite. Un romanzo in punta di pennino che rimanda al miglior cinema intimista.

 

Barcazza 4
Barcazza 3
Barcazza 2
Barcazza 1

 

Mi piace, Barcazza di Francesco Cattani per quel segno di pennino sottile che ricorda quello del Mattotti della linea fragile. E mi piace anche perché le storie che racconta sono esili come il suo segno, e capaci di esplorare in profondità un piccolo mondo.
Daniele Barbieri
(Guardare e Leggere)

Intimo, delicato, essenziale, ma anche morbosamente psicologico e timidamente poetico, registra in presa diretta una giornata estiva al mare, assieme ai drammi e alle inquietudini della sfera umana.
Andrea Provinciali
(Il mucchio selvaggio)

Piccoli gesti compiuti da piccole vite in una narrazione minimale. La natura è un elemento narrativo e la psiche dei protagonisti incasinatissima. Una fisicità cercata, frutto di semplici linee che concretizzano il biancore della pagina.
Jan Mozetic
(Lo Straniero)

Lo sguardo di Francesco Cattani segue i personaggi da vicino, poi li osserva da lontano facendoli emergere da contesti infiniti e dai confini labili. Infine dà la percezione di sapere quel che non sappiamo.
Gianluca Testa
(Artribune)