yuichi yokoyama

il viaggio

17,00

 

208 pagine b/n
15×21, 2011
17 euro
collana matti pellompää
isbn 9788890497056

 
leggi il PDF d’anteprima

COD: viaggio Categoria:

Descrizione


Uno degli autori di fumetto più interessanti degli anni Duemila è un giapponese: Yuichi Yokoyama.

Matteo Stefanelli (Fumettologica)

 

Un viaggio supersonico e silenzioso di tre personaggi avvolti da un mistero insondabile. Una sinfonia visiva tra modernità e apocalisse velata. Una recitazione decisa che recupera il pathos e le maschere del Teatro Nō. Un manga metafisco che parla della bellezza del creato e riflette sul tempo e la sua evanescenza.

 

Il Viaggio 4
Il Viaggio 3
Il Viaggio 2
Il Viaggio 1

 

Ma se il linguaggio fumetto si è evoluto poco nei suoi ormai più di cento anni di storia, sedendosi sugli allori di una narrazione per immagini funzionale troppo debitrice al cinema, sono i rari autori come Yokoyama a mostrare una tensione che sottolinea le specificità del fumetto impossibili da replicare in altri media. Le sue tavole, il suo futurismo non solo estetico ma anche narrativo, ci obbligano a notare cose che normalmente nella lettura diamo per scontate.
Lorenzo Ghetti
(Banana Oil)

Yokoyama ci offre un’idea del fumetto distante da quella praticata all’interno della genealogia degli autori più narrativi: il fumetto, qui, prima ancora di ‘farsi intreccio’, è soprattutto un dispositivo per la visione.
Matteo Stefanelli
(Fumettologicamente)

Se Asterios Polyp è un libro fondato su un’appassionante dialettica tra estetica dell’icona logo in chiave postmoderna e segno grafico inteso come movimento e tessitura,ecco allora un bel viaggio postmoderno dove si cerca il movimento – -la mutazione continua – nell’apparente immobilità di un mondo logo.
Francesco Boille
(Internazionale)

Un treno immaginario in cui ogni carrozza è arredata in modo diverso, un inno futurista alla velocità e al movimento, paesaggi costellati di esempi di architettura utopica e fantascientifica.
Elena Orlandi
(Lo Spazio Bianco)