W le staffette

L’antifascismo è cresciuto con me perché mio padre ci ha sempre insegnato a distinguere il giusto dal sopruso. Dunque quando è nata la Resistenza noi ci siamo trovati pronti” – Ilonka/Ida Camanzi

Staffette partigiane

Un percorso per la valorizzazione di una “pedagogia della Memoria”, che mette al centro il racconto biografico di chi ha fatto la storia della Resistenza, con uno sguardo privilegiato sul ruolo femminile: donne coraggiose, combattenti e connettori “invisibili” durante la guerra di Resistenza.

Una “pedagogia

della memoria”

Abbiamo lavorato con delle classi del Comune di Bologna. Le ragazze e i ragazzi coinvolti hanno letto fumetti, ascoltato storie, guardato fotografie e documentari, si sono posti delle domande e si sono immersi nelle vite di queste donne combattenti del territorio emiliano romagnolo entrando nel flusso storico con un lavoro individuale e successivamente di gruppo, guidati dall’autore Federico Manzone. Successivamente hanno prodotto storie a fumetti e manifesti che in collaborazione con Cheap, sono diventati un “temporaneo luogo di Memoria”, un’installazione visibile in Via San Giacomo a Bologna, così come l’esposizione delle tavole a fumetti presso l’Istituto Storico Parri e Museo della Resistenza durante il mese di gennaio 2020.

Un progetto a cura di Canicola, con il sostegno di: Regione Emilia – Romagna, Comune di Bologna – Area Nuove Cittadinanze e Quartieri, U.I. Pari Opportunità, Tutela delle Differenze, Contrasto Violenza Genere, Quartiere Santo Stefano, Biblioteca L. Spina, Centro studi e Biblioteca Italiana delle Donne, Istituto Storico Parri di Bologna, Fondazione Carisbo, Cheap associazione culturale.

Grazie alle ragazze e i ragazzi della 2^R e 2^A della Scuola secondaria di primo grado Fabio Besta e dell 2^F della Scuola secondaria di primo grado Guido Reni e il corpo insegnante.

Staffette partigiane ieri, oggi, sempre! Buona liberazione a tutt*

From The Blog

vacanze in scatola

vacanze in scatola

Dal 18 giugno è uscito in libreria Vacanze in scatola, il settimo libro della collana per l’infanzia di Canicola, scritto da Tuono Pettinato e disegnato da Martina Sarritzu.

Il bilancio eccezionale di Adotta una libreria

Il bilancio eccezionale di Adotta una libreria

In queste settimane di chiusura chi ha comprato un libro dai nostri siti ha aiutato le libraie e i librai impossibilitate/i a vendere i titoli che hanno sui loro scaffali. In un mese e mezzo sette editori, grazie anche alla promozione dei librai e alla spinta solidale di lettrici e lettori, hanno venduto circa 1.700 libri dei loro cataloghi, raccogliendo più di 10.000 euro per 72 librerie di 37 diverse città, da grandi centri urbani a piccole località di provincia.
È un risultato eccezionale che mostra la forza del mutuo appoggio come strumento di sostegno reciproco e resistenza dal basso alle storture del mercato.

Adotta una libreria – per bambini e ragazzi

Adotta una libreria – per bambini e ragazzi

Le tre settimane di “Adotta una libreria” ci hanno confermato il desiderio di molti di voi di essere parte attiva di una campagna che vuole essere un reciproco supporto tra realtà indipendenti della filiera editoriale. Per noi non si tratta solo della necessità di una concretezza di servizio e di microeconomia, ma di una sensibilizzazione a problematiche di sistema che in questo periodo di congelamento stanno emergendo in maniera forte.

tuono pettinato

tuono pettinato

Tuono Pettinato è tra i maggiori autori del fumetto contemporaneo italiano, premiato di
recente con il Gran Guinigi a Lucca Comics, ha realizzato numerosi libri di successo per Rizzoli
Lizard: Garibaldi, Nevermind, Chatwin. Enigma e Non è mica la fine del mondo (con Francesca
Riccioni). We are the champions e Big in Japan (con Dario Moccia). Ha pubblicato su Linus, XL
di Repubblica e Internazionale. Insegna fumetto umoristico all’Accademia di Belle Arti di
Bologna.

martina sarritzu

martina sarritzu

Martina Sarritzu è nata a Cesena nel 1992, nei suoi disegni e nel suo immaginario unisce gli studi in ambito sociale con quelli legati alla narrazione per immagini all’Accademia di Belle Arti. La sua propensione al grottesco e ai dettagli della realtà sono il migliore contrappunto a una storia che si spinge nel territorio dell’immaginazione.